EDITORIALE

Ivana Summa - Lo spread scolastico

Lo spread, termine della lingua inglese traducibile con «differenza», «scarto» o «divario», è la differenza di rendimento tra due titoli dello stesso tipo e durata, uno dei quali è considerato un titolo di riferimento (Fonte Wikipedia).  Con un azzardo quasi imperdonabile,  ci chiediamo se possa esistere uno spread scolastico  in grado di misurare  il rendimento di un titolo dello stesso tipo e durata o meglio - come sarebbe auspicabile - uno standard in grado di fare da punto di riferimento almeno per il rilascio dei diplomi conclusivi del 2°  ciclo d'istruzione che, come è noto, hanno un valore legale.

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: l’attualità

Michele Visentin  - Insegnare per lo sconosciuto. I primi passi per la progettazione del Curricolo d’Istituto 
Progettare un Curricolo significa chiedersi cosa meriti di essere appreso e quali contenuti ed esperienze possano trasformarsi in comprensione durevole. In altre parole significa avere in mente la fine.  Quale debba essere questa fine, però, non è facile dirlo. Infatti, che i processi di insegnamento e di apprendimento siano più o meno efficaci in relazione alla capacità degli insegnanti di focalizzarsi sulle mete che perseguono è convinzione condivisa ormai, meno evidente è l’idea di quali siano queste mete e come raggiungerle.

Gian Carlo Sacchi  - La Maturità ai tempi della pandemia: trasformare un’emergenza in innovazione 
Tutti i governi che si sono succeduti hanno lasciato il segno negli esami di fine secondo ciclo, definiti alternativamente di Stato, se prevaleva la visione istituzionale con la conseguente valorizzazione del titolo di studio e soprattutto del suo aspetto legale, o di Maturità se al centro era posto il giovane studente al quale veniva offerta l’opportunità di mettere in evidenza la formazione della persona nelle sue diverse competenze culturali e professionali. Anche il Ministro Bianchi ha portato il suo contributo, in una situazione ancora imprevista anche se già affrontata nel 2020 e 2021, cioè la pandemia che  ci costringe ancora  ad oscillare tra una versione in presenza ed una a distanza.

Ivana Summa  - La Maturità ai tempi della pandemia: trasformare un’emergenza in innovazione 
Vorrei concentrare la mia attenzione  sulla questione  dell'elaborato scritto di lingua italiana, ritenuta vox populi  una  prova irrinunciabile per poter ritenere significativo- da tutti i punti di vista - l'esame di stato conclusivo del 2° ciclo d'istruzione. Senza la prova d'italiano che esame é?

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: riflessioni

Andrea Porcarelli -  La pedagogia della scuola nel quadro della pedagogia sociale 
Ci siamo occupati, in un precedente articolo, dell’identità epistemologica e disciplinare della Pedagogia Sociale (PS), per riprendere e approfondire i confini della quale rimandiamo ad un nostro recente volume (Porcarelli, 2021), che ne delinea le radici storiche, l’identità epistemologica, le molteplici articolazioni, tra cui si colloca la Pedagogia della scuola, di cui ci occupiamo qui specificamente. 

Daniele Barca  - La scuola “media: l’esperienza in corso 
In questo periodo storico contrassegnato dalla pandemia, capita con frequenza, quasi ormai un ineluttabile vezzo linguistico, di dire “oggi non si potrebbe” pensando ad attività che prima del Covid erano più che normali e che non si possono fare. 
La storia che sto per raccontare, che è una storia di riflessione didattica e di valutazione realizzata da marzo 2020 all’istituto comprensivo 3 di Modena, è riassumibile, invece, nello slogan “oggi si potrebbe”, perché in qualche modo le vicende di trasformazione e di adattamento imposte dal virus hanno dato un impulso al ciclo virtuoso Indicazioni/competenze/curricolo/attività/valutazione. In tutto il comprensivo, ma in particolar modo nella secondaria di primo grado, la scuola Pier Santi Mattarella, che è il focus di questo terzo contributo.

 

LE COMPETENZE: PROGETTAZIONE, DIDATTICA E VALUTAZIONE

Loredana De Simone  - Innovare la progettualità per rinnovare la scuola 

Nonostante le continue e sollecite riforme scolastiche continuiamo a ribadire che è necessario trasformare la scuola dal basso,  perché incapace di garantire ai giovani le necessarie competenze richieste dall’attuale società. In effetti, il mondo in rapida evoluzione pone nuove e continue sfide al settore dell’istruzione che deve sostenere e promuovere apprendimenti relativi a competenze, atteggiamenti, valori e conoscenze afferenti a diversi ambiti: l’alfabetizzazione digitale, la globalizzazione, l’educazione finanziaria, l’alfabetizzazione per lo sviluppo sostenibile, il pensiero computazionale, ecc.

 

IL CURRICULO PER COMPETENZE NELLA SCUOLA DELL'INFAZIA E DEL 1° CICLO

Isabella Simone  - Lavorare a ritroso 
Il lavoro che presento  è una tappa importante di un percorso di ricerca-azione, basato sulla scelta di adottare un approccio metodologico conosciuto come "progettazione a ritroso". Un percorso avviato ormai tre anni fa ma i cui lavori sono ancora in corso perché  sconvolge tutti gli aspetti del fare scuola: il curricolo, la didattica e, soprattutto la valutazione.   Quest'ultima riguarda sia il prevedere, fin dall'inizio della progettazione, la prova competenziale finale  che, nella fase 2,  deve raccogliere, con apposite prove, le evidenze della comprensione profonda.

Cristina Venturi  - Montessori e Tecnologia 
Applicare il percorso montessoriano in una scuola primaria significa in primo luogo conoscere il bisogno fondamentale dei bambini della fascia di età corrispondente al secondo periodo di sviluppo, come indicato dall’approccio scientifico di Maria Montessori, individuato nell’indipendenza intellettuale. Per favorire il suo soddisfacimento è importante che l’adulto offra, in un ambiente preparato, una vastità esploratrice, una educazione cosmica, dilatatrice, come la definisce la Dottoressa marchigiana, in modo che siano appagate quattro particolari sensibilità e facciano emergere sia l’interdisciplinarietà del sapere sia l’interdipendenza di ogni forma vivente e non. Le sensibilità citate consentono al fanciullo di aspirare alla visione del piano cosmico e sono indicate nella grande curiosità e sete di sapere, nell’immaginazione, nel senso di giustizia e nella socializzazione.

 

IL CURRICULO PER COMPETENZE DELLA SCUOLA DEL 2° CICLO

Marco Pellizzoni  - Un esempio di unità di apprendimento secondo l’approccio della progettata a ritroso 

Qui di seguito presento  una unità di apprendimento (UdA) utilizzando la metodologia PaR (Progettazione a Ritroso) che ormai ho adottato da alcuni anni, a seguito di una specifica attività formativa articolata in diverse fasi, con un continuo intreccio tra teoria e pratica e,soprattutto, sperimentando con le classi la ricerca-azione

 

IL CURRICULO PER COMPETENZE NELL'ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

Nicoletta Morbioli  - Fare cordata per scalare insieme la montagna 

La Rete Eurydice Europa ha da poco pubblicato il rapporto: “Adult education and training in Europe: Building inclusive pathways to skills and qualifications”, che analizza come i Paesi europei promuovano l’apprendimento permanente, con particolare attenzione alle politiche e alle misure attuate per sostenere l’accesso alle opportunità formative da parte degli adulti con bassi livelli di competenze e di qualifiche. 

 

RUBRICHE: ESPERIENZE DIGITALI 

Chiara Bonvicini e Lia Peretti  - Le avventure di Dina Cittadina 

L’insegnamento dell’educazione civica è fondante nell’azione formativa nei CPIA in quanto fornisce ai giovani in dispersione gli aspetti più importanti di cittadinanza attiva e di inclusione sociale mentre ai giovani e agli adulti stranieri le basi per l’integrazione nel nostro Paese e la convivenza civile, oltre ad attribuire senso agli apprendimenti.

 

Il CURRICOLO DELLA CREATIVITÀ 

Alessia De Pasquale -  Innamorarsi della parola: Dante e le immagini dell’oralità 

Jorges Luis Borges, formulando considerazioni sulla Divina Commedia, sosteneva :“ Il tempo…il prima, il dopo, l’adesso, il poi; tutto questo si trova nella poesia…sono un uomo di lettere e credo che l’apice della letteratura sia la Commedia…nessun libro mi ha mai dato emozioni estetiche così intense. La Commedia è un libro che tutti dobbiamo leggere. Nessuno ha il diritto di privarsi della gioia della Commedia, della gioia di leggerla in modo ingenuo”.

 

Il DIRIGENTE E IL SUO STAFF 

Anna Armone  - La “trasparenza” dell’azione didattica 
La parola trasparenza è entrata nella Pubblica Amministrazione a partire dagli anni ’90 con l’emanazione della l. n. 241/1990. L’iter di questa legge fu fortemente voluto dal legislatore anche su sollecitazione degli studiosi che riscontravano come l’Italia fosse uno degli ultimi Paesi europei a non essere dotata di una normativa esplicita su tale tematica. La Pubblica Amministrazione italiana arrivava alla soglia di quegli anni “proteggendo” la propria attività dai destinatari dei propri provvedimenti attraverso un istituto oggi relegato ad eccezione: il segreto d’ufficio.

 

LIBRI di SCUOLA LIBRI per la SCUOLA 

Flavia Marostica - Insegnare/apprendere storia con la storiografia e la mediazione didattica 

Il 22 maggio 2018 il Consiglio europeo ha varato la Raccomandazione relativa alle competenze chiave per l'apprendimento permanente e l’Allegato Quadro di riferimento (che sostituiscono quelli del 18 dicembre 2006) per «individuare e definire le competenze chiave necessarie per l'occupabilità, la realizzazione personale e la salute, la cittadinanza attiva e responsabile e l'inclusione sociale» dal momento che «nell'economia della conoscenza, la memorizzazione di fatti e procedure è importante, ma non sufficiente per conseguire progressi e successi. Abilità quali la capacità di risoluzione di problemi, il pensiero critico, la capacità di cooperare, la creatività, il pensiero computazionale, l'autoregolamentazione sono più importanti che mai nella nostra società in rapida evoluzione. Sono gli strumenti che consentono di sfruttare in tempo reale ciò che si è appreso».

La Casa Editrice Euroedizioni Torino S.r.l. è una società che si occupa prevalentemente di problemi organizzativi e gestionali delle scuole di ogni ordine e grado, sia sotto l'aspetto pedagogico-didattico che sotto quello amministrativo-contabile; a tal fine fornisce informazioni, consulenza, riferimenti interpretativi, formazione anche on line, supporti operativi, edizione di testi per la gestione delle istituzioni scolastiche, manuali per la preparazione ai concorsi del personale scolastico. 

Copyright © 2022 Euroedizioni Torino Srl

Save
Cookies user prefences
Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito web. Se rifiuta l'uso dei cookie, questo sito web potrebbe non funzionare come previsto.
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Analytics
Strumenti utilizzati per analizzare i dati per misurare l'efficacia di un sito web e per capire come funziona.
Google Analytics
Accetta
Decline